neetAmantE

Con l'incoscienza di un carro armato

Archivio per la categoria “complotti”

Io & il PD

La maggior parte dei miei amici vota per il PD o lo ha votato in passato.

Il PD, il grande partito sedicente riformatore dell’Italia.

Se c’è una cosa che non sopporto è però la falsità, la mala fede, e il PD in questo è maestro.

Come ha potuto questo partito appoggiare il governo di Mini-Mario, che mantenendo inalterato il debito ha aumentato la disoccupazione, alzato le tasse e reso ancora più precario il lavoro, in nome di presunti benefici derivanti dalla persistenza dell’Italia in questa Europa?

Politiche di austerità che – i vertici del PD lo sapevano benissimo – deprimono l’economia nel breve, nel medio e nel lungo periodo.

Cosa resta della tensione verso il bene comune? Nulla.

Il PD è schiavo di poteri finanziari, forti, massonici e religiosi? Un partito riformista non può ridursi a questo.

Il partito di maggioranza relativa non dovrebbe accettare supinamente le direttive dell’Europa matrigna. Bersani non dovrebbe affermare che gli Stati Uniti d’Europa sono un sogno. Un sogno se fossero diversamente congegnati, non una trappola di miseria per i Paesi del sud.

Qualcuno affermerà che il PD, a livello locale, ha fatto molto bene in molte regioni. Perfetto: ma è a livello nazionale che si gioca la nostra partita della vita, e al momento stiamo perdendo di brutto.

Chiudo il post con un’affermazione che probabilmente spiazzerà i lettori più assidui e disorienterà coloro che hanno letto con attenzione le mie parole: ebbene, alle prossime elezioni politiche del 2013, io NON voterò PD.

Meglio Grillo, la sinistra estrema, financo i Pirati.

Annunci

Grande Dizionario della crisi

Si chiama grande perché non è piccolo:

PIL – Deve salire sempre, sennò sono capperi. Cioé tu hai un ristorante che va alla grande, ma se ogni anno non aumenti i clienti del 10% sei fottuto, a causa del
DEBITO PUBBLICO – È così alto che non potrà mai più essere pagato, ma quel che è peggio dà adito agli interessi, in quanto il denaro non è emesso dallo Stato, ma dalle Banche Centrali (mi sto perdendo) in virtù del cosiddetto
SIGNORAGGIO – L’emissione del denaro è in mano alle banche, cosicché quando un povero Stato deve raggranellare denaro lo deve chiedere in prestito, emettendo titoli come i Bot e i Cct, ma se detto stato è debole, come l’Italia, gli interessi saranno alti a causa dello
SPRITZ – Il tasso da pagare agli strozzini tedeschi, molto meglio ubriacarsi per non penzarci.

Italia commissariata? Malissimo!

I conti dell’Italia sotto osservazione di UE, Fondo Monetario Internazionale, Von Rampuy, Germania, Francia e magari pure il WWF.

Riforme chieste dall’Europa – che ormai va considerata come una matrigna cattiva – che ammazzeranno le ultime velleità di ripresa del Paese.

Ma non vedete che i politici hanno calato le brache nei confronti di… chiunque!
Riforme in arrivo del tipo: privatizzazioni, svendite, licenziamenti, tagli, precarietà.

In molti salutano con gioia l’avvento di Mario Monti: come vorrei che avessero ragione, ma temo.

Lady Gaga, schiava degli illuminati

Come non tornare a parlare dell’élite illuminata che controlla il mondo?

Se ne parla ossessivamente anche in Angeli e demoni, ove Tom Hanks raggiunge in gran fretta Roma dove un complotto degli illuminati sta prendendo corpo.

Una cagata pazzesca questa degli illuminati, perché una setta segreta, per controllare il mondo, dovrebbe essere appunto segreta.

La mia idea? Che c’è realmente nel mondo una élite al comando, e gli illuminati sono semplicemente la sua copertura, il suo false flag spionaggiosamente inteso.

Rimpatriati?

Povera patria? Poveri noi.

Racconta Massimo Fini che in America una persona su due fa uso di psicofarmaci, cioé non regge la società in cui vive.

Battiato auspica che il mondo torni a quote piú normali, e l’unica strada è quella del cambiamento individuale, ovvero rifuggire questo inferno di vita, opporvisi.

Osservo le due torri, le colline del Chianti, le stradine di Venezia, e capisco per quale meta vale la pena lottare. Il sorriso della tua ragazza.

Cancellate il debito!

Era il 2000 e in occasione del Giubileo venne lanciata la campagna per la cancellazione del debito estero dei paesi poveri.

Dieci anni dopo è l’Italia che dovrebbe scongiurare gli altri stati a cancellare un debito pubblico che soffoca cittadini ed imprese, che rende impossibile qualsivoglia politica di sviluppo e che ammazza i suoi giovani.

Badate bene: l’Italia è ricca di risorse e di capitale umano (persone capaci). Il debito pubblico, invece, è un’invenzione (vedi signoraggio).

L’alternativa alla cancellazione pilotata del debito estero è la bancarotta. Possiamo scegliere.

L’invasione aliéna è già incominciata?

C’è chi afferma che sin dalla notte dei tempi gli omini grigi vegliassero su di nói.

Io affermo che si tratta di panzane galattiche, perché prove non ve ne sono, né mi risulta di uomini sbarcati su Vega, Sirio o Sedna.

Mammagari c’è qualcuno che qui gli piacerebbe di raccontare le sue personali esperienze, nevvero Matteo Rénzi?

Obama = Hitler?

Sottopongo alla vostra attenzione questa super complottistica teoria.

Però affascinante e divertente se fosse vera, nevvero?

Navigazione articolo